GrabMe, l’app che sfrutta i dati condivisi sui social per aiutare i ladri

Di app per smartphone e tablet ce ne sono ormai tantissime, per tutti i gusti e per tutti gli usi… anche per i ladri. Si, esatto, avete proprio capito bene! È infatti notizia delle ultime ore quella, decisamente allarmante, della diffusione di GrabMe, un’app ideata da un giovane hacker per offrire un servizio ai ladri, per semplificare la vita a chi intende svaligiare un’abitazione.

GrabMe sfrutta i dati condivisi su base quotidiana dalle persone sui vari social network, ad esempio posta da luoghi di vacanza, tweet, geolocalizzazioni e chi più ne ha più ne meta, per permettere ai ladri di individuare le case vuote dando a questi l’opportunità di scegliere quali abitazioni svaligiare mostrando i vari “punti di interesse” su mappa.

L’hacker ideatore dell’app ha ben pensato di cercare di aumentare le proprie possibilità di guadagno rendendo accessibile la sua invenzione a chiunque mediante la messa online del sito Internet, ora bloccato ma da cui Segue…